TEATRO BRANCACCINO 2 e 3 aprile  ‘Sole’ scritto, diretto e interpretato da Valentina Capone

TEATRO BRANCACCINO

in collaborazione con ATCL – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio

 

SOLE (Sun-Alone)

2 aprile ore 20.00/ 3 aprile ore 17.30

Scritto, diretto e interpretato da Valentina Capone

  

 Libero adattamento da Troiane e Ecuba (Euripide)

scene, costumi: Valentina Capone

luci: Stefano Stacchini

musiche: Alessandro Rinaldi –Valentina Capone

 

MULTIWINNER AWARD PERFORMANCE

 

Premio ETI GLI OLIMPICI DEL TEATRO 2009 

In scena al Teatro Brancaccino il 2 e il 3 aprile “Sole” scritto, diretto e interpretato da Valentina Capone, libero adattamento delle tragedie di Euripide: “Troiane” e “Ecuba”.

 

“Sole” come le donne rimaste prigioniere dopo la strage dei Troiani per mano dell’esercito greco; e “Sole” come l’astro, che illumina, dà la vita e al tempo quella stessa vita può essiccare. La tecnica compositiva utilizzata da Euripide nelle sue tragedie consiste in una successione di momenti, senza un nodo tragico accentratore dell’azione: l’unità va ricercata nel clima sentimentale e tonale.

In questa struttura, durante il processo creativo, sono inseriti suoni, parole e frammenti “altri”. Tra questi frammenti si inserisce la storia di Etora, un personaggio di pura fantasia che commenta l’azione e le apparizioni sulla scena, dal suo punto di vista.

Etora è l’improbabile amante del valoroso Ettore, rimasta sola. Ettore ha dimenticato il suo Scudo, che lo ha sempre protetto e sempre lo ha fatto tornare. Etora non esita, agisce, parte anche lei senz’armi, e cerca di raggiungere il suo eroe.

Ingenua ed inconsapevole, con le sue battute spezza parzialmente il ritmo tragico e suggerisce un’altra dimensione in cui vivere il dramma, anche se, inevitabilmente, viene via via assorbita dall’insensatezza della guerra e dall’immobilità dell’attesa.

In Sole non ci sono distinzioni nette tra Bene e Male, non ci sono categorie assolute, assolute certezze. In Sole, semplicemente, ci sono frammenti di poesia e di lacrime. Sole è uno spettacolo visionario, in cui le musiche e le luci non sono mai di accompagnamento ma diventano esse stesse sensazione. La scenografia è essenziale – tre sedie e uno scudo sospeso (il sole?) proprio perché lo spazio sia tutti i luoghi e nessuno: le rovine della città, un cimitero o forse, semplicemente, il luogo in cui ci si veste e ci si spoglia per dar vita alle singole figure ed alle maschere.
“Un percorso iniziatico, un rituale di conoscenza, una sorta di trance” Enrico Fiore – Il Mattino

“Intensa Valentina Capone” Vogue Giugno 2009 

“Bravissima, polimorfa” Franco Cordelli Il Corriere della sera 2009

“Valentina Capone è straordinaria” Rossella Diana – Roma

“Bella, forte, carismatica” Titti Danese – Elle   

“Un’attrice qualificata dalla volontà di vita”Claudio Meldolesi (storico del teatro e Accademico dei Lincei)

 

“All’improvviso la Capone esce dai personaggi storici e sola, illuminata appena da un faro, parte con un monologo rivolto a un uomo che non c’è, da pelle d’oca. E poi il finale, quando quest’attrice così multiforme e sensuale, riunisce in sé le donne di Euripide in uno sguardo quasi allucinato che sconvolge” Alvise Vago-la Voce di Rimini 

 

BRANCACCINO di Roma

2 – 3 aprile

 

Biglietto: 15,5 €