TEATRO BRANCACCIO ‘La bella addormentata’ di Caikovskij 22 e 23 novembre

‘La bella addormentata’ di Caikovskij 22 e 23 novembre

coreografie di Fredy Franzutti
musiche di Piotr Il’ic Caikovskij
scene di Francesco Palmala festa
luci di Piero Calò

personaggi e interpreti

Aurora: Vittoria Pellegrino/Nuria Salado Fustè
l’antropologo Ernesto: Alexander Yakovlev/ Francesco Cafforio

Roberto, Il padre di Aurora: Alessandro De Ceglia
la fata Carabosse: Andrea Sirianni

Silvia, la madre: Federica Resta

Jargavan, la zingarella Lilla: Chiara Mazzola

Uccellini Blue: Martina Bezzi e Nicola Lazzaro

Zie, amiche, ombre e invitate: Giulia Bresciani, Francesca Bruno,
Martina Bezzi, Federica Resta, Monica Verì, Amanda Mato, Vittoria Pellegrino/Nuria Salado Fustè
Preti, amici, ombre e invitati: Nicola Lazzaro, Lorenzo Bernardi, Francesco Rovea, Michael Marinelli, Francesco Cafforio/Alexander Yakovlev, Tiziano Casu
responsabile allestimenti: Sabina Fracassi – Emanuele Pellegrino
sartoria: Chiara D’Agostino
balletto in un prologo e tre atti
musiche di Piotr Il’ic Caikovskij

La bella addormentata, è di Charles Perrault. Prima ancora di Perrault, l’italiano Giambattista Basile (nella raccolta “Lo cunto de li cunti”) narra di una principessa addormentata per un incantesimo nel meridione dell’Italia. Al racconto di Basile, Perrault si ispira per la sua versione edulcorata e borghese. Da qui l’idea di Franzutti, uno dei coreografi più noti nel panorama nazionale, di riportare nel sud del paese le disavventure della bella principessa Aurora. Questo ha permesso, al coreografo salentino, quello che il critico Vittoria Ottolenghi ha definito: “una vera botta di teatro”, e cioè la sostituzione della puntura del consueto fuso con il morso della tarantola salentina.
La Principessa Aurora è quindi, nella edizione di Franzutti, una fresca ragazza mediterranea a cui una vecchia maga predice un atroce destino. Sarà la magia della zingarella Lilla e il bacio d’amore
di un principe-antropologo sulle orme della leggenda a destare la fanciulla dal suo sonno centenario.

“Per la leggibilità della drammaturgia, per l’efficacia dell’ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi, lo spettacolo ha raccolto, sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione di pubblico, ed è stato ampiamente lodato dalla critica. Gli assieme dei danzatori nella brillante realizzazione delle scene più festose e l’accurata esecuzione dei protagonisti hanno contribuito al successo dello spettacolo”.
TEATRO BRANCACCIO
22-23 NOVEMBRE 2014

ORARIO SPETTACOLI
sabato h. 21.00, domenica h.17.00

PREZZI BIGLIETTI INTERI €.32,00 a €.20,00

Annunci