Ospiti. Ridere sull’amore e i suoi volti

RECENSIONE     Ospiti è la nuova commedia scritta e diretta da Angelo Longoni
In scena tre attori di pregio come Cesare Bocci, Eleonora Ivone e Marco Bonini. Volti noti al grande pubblico per aver più volte interpretato personaggi in ottime fiction televisive.
Tre personaggi che portano all’attenzione del pubblico tre differenti tipi di amore.
È una commedia allegra, fresca, diretta. Scritta per non lasciare mai il pubblico, ma per accompagnarlo lungo le disavventure e le riflessioni dei tre in scena.Ospiti-Bocci-Bonini-Ivone-divanopicc
C’è Leo, Cesare Bocci, il disilluso, appena separato dalla moglie, che beve per alleviare le tensioni che alimenti, una figlia sedicenne e il lavoro di autore comico gli portano. Un personaggio disilluso, molto confuso, toni vocali sempre alti propri di chi ha una grande confusione mentale.
In un momento di vera confusione della sua vita, irrompe nella casa presa in affitto da poco, Sara, Eleonora Ivone. La ragazza è un personaggio leggero, divertente, perfetto nella contrapposizione tra Leo e Franco, Marco Bonini.
Franco è un ex fidanzato di Sara che pensa le sia stata portata via da un inconsapevole Leo, coinvolto suo malgrado in un enorme equivoco. Franco è depresso, violento, non si rassegna alla storia finita e continua a perseguitare Sara con una serie di alti e bassi umorali che aggiungono sorrisi alla messa in scena.
Le regia di Angelo Longoni è ben adattata al Teatro Golden, che ha tre pareti aperte, quindi studiata per essere fruita dal pubblico seduto sia davanti che ai lati della scena.
Il testo scorre ed è ben diretto in scena, peculiarità che accade quando a dirigere è la stessa persona che ha scritto il testo e ne conosce ogni singolo particolare, colore e movimento.
Nel complesso è una bella commedia, il pubblico gode di una buona scrittura portata in scena da tre attori che sanno bene come muoversi.
Spicca a mio avviso l’ interpretazione di Marco Bonini che salta da un umore all’altro, fisicamente camaleontico, dall’essere dritto e certo delle sue azioni a curvo e piangente senza una certezza.
Si ride, questo è assicurato.

Per Roma a Teatro   Laura Mauti

Grazie a Angelo Longoni e staff Teatro Golden

Ospiti di Angelo Longoni

al Teatro Golden dal 4 al 23 febbraio 2014

Annunci