TEATRO STUDIO UNO ‘Parole di fumo’ dal 14 al 17 novembre L’universo umano e le relazioni intangibili

PAROLE DI FUMO

in scena dal 14 al 17 novembre

20131108-121849.jpg

Fucina di idee, progetti e iniziative sempre nuove, il Teatro Studio Uno, la Casa Romana del Teatro Indipendente, ospita per il secondo anno la Compagnia Studio Uno Lab, giovane formazione nata all’interno dei corsi teatrali de La Cattiva Strada, che sarà in scena dal 14 al 17 novembre con “Parole di Fumo”, regia di Gianluca Renato Mastronardi con Clementina Pagliuso, Giulio Nardocci, Simone Milli, Valeria De Mitri Pugno, Antonio Bruno e la partecipazione straordinaria di Marco Zordan.

La Compagnia Studio Uno Lab, dopo il successo riscosso lo scorso anno con lo spettacolo denuncia sul precariato “Ricettario di un Imprecaria” scritto da Clementina Pagliuso e diretto da Gianluca Renato Mastronardi, presenta quest’anno un riadattamento del film “Coffee and Cigarettes” del 2003 di Jim Jarmusch.

Parole di Fumo racconta in modo ironico e divertente i litigi, le ripicche, gli incontri fugaci e le rivelazioni inaspettate di un gruppo di amici e conoscenti che si ritrovano, un po’ per noia un po’ per abitudine, ogni sera in un piccolo bar di provincia, una sorta di “non luogo” in cui ci si incrocia senza entrare mai veramente in relazione.

Pochi tavoli, un servizio scadente, un caffè imbevibile e le chiacchiere vuote ascoltate distrattamente da un malcapitato cameriere che senza nemmeno accorgersene si troverà coinvolto nei discorsi stravaganti e improbabili dei bizzarri clienti, tra dialoghi assurdi e paradossali che nella loro frugale comicità nascondono tuttavia i retroscena drammatici delle storie di vita di ognuno di loro.

Sospinti dal desiderio di evasione, c’è chi si rifugia in questo posto sospeso nello spazio nel tempo, per smaltire l’effetto dei tranquillanti, o chi, nonostante il successo, ci ritorna per incontri clandestini, chi vi inventa di sana pianta gradi di parentela che nella realtà non esistono, o ancora chi continua ad andarci tutti i giorni semplicemente perché è oramai un’abitudine.

Un universo umano nella sua solitudine, malinconia e nevrosi che cerca disperatamente, attraverso il racconto di una vita immaginata, sognata o sperata, di fuggire dalla dura e triste realtà che lo circonda. Un racconto in cui le parole si disperdono nell’aria e svaniscono come il fumo di una sigaretta.

Parole di Fumo, dal 14 al 17 novembre 2013, Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 10 euro.

Annunci